Batteria - Musicalmente - Corsi di Musica e Canto a Torino

Vai ai contenuti

Menu principale:

Batteria













Le origini dello strumento risalgono alla seconda metà del XIX secolo, negli Stati Uniti, sebbene i tamburi singoli abbiano radici ben più antiche. La genesi avviene con la fusione di vari componenti percussivi durante le esibizioni bandistiche fino a formare una batteria di tamburi molto simile alle odierne.
Fin dal jazz del 1920 la batteria è stato uno strumento fondamentale della musica popolare, coniugato o sostituito in seguito dalla drum machine, soprattutto nella musica elettronica.
 L'attuale batteria nasce da problemi di spazio; in principio, lungo le strade di New Orleans (Louisiana), c'erano enormi bande che suonavano per strada, in corteo, ed ogni elemento dell'attuale batteria era suonato da una singola persona, come nelle fanfare militari odierne. In seguito le esibizioni si spostarono dalle strade ai locali, ed era impossibile ospitare sul palco cinque/sei musicisti che si dedicassero alle percussioni; quindi si fuse la grancassa con il rullante militare. A questa batteria primordiale vennero in seguito aggiunti i piatti, allo scopo di creare un suono acuto che si contrapponesse al suono grave dei tamburi. In seguito ogni etnia presente in America diede il suo contributo, come i cinesi, che importarono i tom, tamburi di diametro piccolo ed i turchi, che perfezionarono la produzione dei piatti adoperando il loro modo di fondere e martellare il rame e l'ottone. In principio la grancassa era suonata con il piede, come suggerisce anche il vecchio nome inglese kick drum (tamburo a calcio), sebbene oggi sia sempre suonata con l'apposito pedale per cassa.
La batteria è uno strumento musicale altamente configurabile e personalizzabile perché è composto appunto da un set di tamburi tutti innestabili e intercambiabili, con la possibilità di inserire altre percussioni a seconda dei suoni che si vogliono ottenere.
Date queste caratteristiche le lezioni saranno singolarmente adattate alle esigenze, i gusti, il tempo a disposizione per lo studio e le aspettative di ogni singolo studente.
Durante il corso delle lezioni gli studenti potranno apprendere:  impostazione sullo strumento, solfeggio ritmico, groove e coordinazione dei quattro arti, lettura della partitura, studio dei rudimenti con successivo sviluppo e applicazione, studio di tutti i tempi di base della musica Pop e Leggera, avviamento al jazz.
Solitamente le lezioni della scuola sono divise in due parti, una di carattere tecnico-teorico e una pratica sulla batteria;  vi sarà inoltre, anche una parte dedicata all'accompagnamento di basi registrate negli stili preferiti in modo da preparare lo studente ad affrontare diverse situazioni musicali in maniera il più possibile vicino all'esecuzione live.
Fine ultimo del corso è permettere allo studente di ottenere una completa padronanza dello strumento, attraverso una precisa conoscenza dei rudimenti, una completa coordinazione dei quattro arti e una determinata scioltezza di movimento. Tutto ciò richiede ore di esercitazione e di studio, ma soprattutto tanta passione e tanto impegno!

TOOLS

test

test

Torna ai contenuti | Torna al menu